Vanity Fair VF Networks

AD

News News

In fiera come in una wunderkammer

Al via la XXXI edizione di Modenantiquaria, la fiera di alto antiquariato che spazia dell'arte antica e moderna agli arredi per l'outdoor, con un omaggio a Hugo Pratt. Sonia S. Braga

Accoglie più di 100 gallerie d'eccellenza e declina ogni ambito del collezionismo, dalla pittura antica ai mobili d'epoca, fino agli arredi per l'outdoor. Dopo il successo della scorsa edizione che ha richiamato oltre 35.000 visitatori, Modenantiquaria, fiera di alto antiquariato tra le più qualificate in Europa, si conferma un appuntamento irrinunciabile per appassionati e connoisseurs. Per nove giorni, dall'11 al 19 febbraio, i padiglioni di ModenaFiere si trasformeranno in uno scrigno delle meraviglie: in esposizione e in vendita mobili dal ‘'500 allo stile decò, dipinti, ceramiche e maioliche, oggetti d’'arte, gioielli e orologi, tappeti, antichità orientali, precolombiane e africane.

La mostra patrocinata dall'Associazione Antiquari d'Italia e da FIMA è ricca di highlight. Per esempio, la Galleria Lampronti espone, tra le altre, una tela di Michele Marieschi, vedutista veneziano del Settecento; Robilant+Voena presenta un San Pietro a firma di Guercino e un importante olio su tela di Camillo Procaccini; Longari Arte propone una Madonna col Bambino del 1710 di Pierre Jean-Hardy e un busto in terracotta di Domenico Paci che raffigura Alessandro Magno.

Punta sul dialogo tra arte e design Robertaebasta, con La Vittoria (1918-1919) di Adolfo Wildt, esempio della sintesi plastico formale ed espressiva raggiunta dallo scultore su un tema d'elezione come quello la maschera, e la scrivania apribile Yang Yin di Gabriella Crespi.

Fondantico mette in mostra Il trionfo di Flora del modenese Francesco Stringa; Maurizio Nobile un disegno a penna e inchiostro di Donato Creti, mentre Galleria d'Arte Cinquantesei accosta due maestri della pittura come Guttuso e Sironi.

Sono inoltre presenti, in un'area dedicata in apertura del percorso espositivo dieci tra le più importanti gallerie antiquarie: Carlo Orsi, Fabrizio Moretti, Walter Padovani, Bruno Botticelli, Dario Ghio, Sandro Morelli, Galleria D’'Orlane, Domenico Piva, Enrico Frascione e Copetti Antiquari.

Accompagnano il salone principale, che dà il nome alla rassegna, due inziative collaterali: Excelsior, riservato agli espositori che trattano pittura italiana dell'Ottocento con qualche apertura sul Novecento, e Petra, dedicato all'outdoor e alla ristrutturazione di parchi e giardini, con tante idee per l'antiquariato da esterni che vanno dalle fontane ornamentali alla scultura in pietra, dagli antichi vasi in cotto alle sedute per esterni. Petra è lo "scrigno delle curiosità", irrinunciabile per  architetti e arredatori che cercano pezzi di grande personalità. L’allestimento porta la firma di Fondazione Biohabitat che ha ricreato un percorso sulla biodiversità evocando le suggestioni dei viaggi di Corto Maltese, il marinaio giramondo più famoso della storia della letteratura disegnata nato dalla penna di Hugo Pratt.

 

Modenantiquaria 

ModenaFiere

via Virgilio 70

dall'11 al 19 febbraio

Orari: Lunedì, martedì e mercoledì

dalle 15:00 alle 20:00

Giovedì, venerdì, sabato e domenica

dalle 10:30 alle 20:00

www.modenantiquaria.it