Vanity Fair VF Networks

AD

Art corner Art Corner

Le archisculture di Francesco Somaini

La Triennale di Milano rende omaggio a Francesco Somaini, architetto della scultura, con una mostra che ne ripercorre dieci anni di carriera. Sonia S. Braga

Francesco Somaini (1926-2005) ha attraversato il '900 all’insegna del rinnovamento dei linguaggi artistici, ma è considerato, prima di tutto, un "architetto della scultura".

La retrospettiva "Uno scultore per la città. New York 1967-1976", in programma alla Triennale di Milano fino al 5 febbraio, mette a fuoco l’interesse dell’artista comasco per il rapporto tra arte, architettura e città contemporanea.

Una lettura accurata e per molti aspetti inedita, che attraverso 16 sculture, 15 disegni e 14 fotomontaggi, ripercorre la sua carriera dal 1967 al 1976.

È la stagione creativa post-informale: quella più ricca di innovazioni e di scoperte, ispirate dai viaggi negli Stati Uniti e dall’impatto con la cultura architettonica newyorkese. Sono gli anni in cui l’artista mostra tutta la sua carica immaginifica, creando volumi d’impianto architettonico che raggiungono la massima visionarietà con il ciclo "Carnificazioni di un’architettura", della metà degli anni '70.

La ricerca di Somaini sconfina nel territorio del progetto su scala urbana, esplora le infinite potenzialità della scultura di rimodellare lo spazio della città contemporanea. Ne sono un esempio anche i fotogrammi, immagini che reinterpretano lo skyline metropolitano con una sorprendente carica visionaria.

Ritraggono sculture dai volumi fluidi e organici che si insinuano tra  grattacieli enigmatici, ma anche avveniristici modelli di edifici ideali, meravigliosi esercizi di utopia liberati da ogni rigidità formale.

Gli stessi titoli delle opere, dai disegni alla scultura, sono emblematici: accanto a Una scultura modulare scende lungo la facciata di un grattacielo (1973), troviamo Un'immagine per l'Hudson: navigazione (1973), oppure Farfalla della solitudine, scultura-legamento tra due grandi edifici (1974).

La mostra, organizzata dall'Archivio Francesco Somaini in collaborazione con la Triennale di Milano, è curata da Enrico Crispolti e Luisa Somaini, e accompagnata da un ricco catalogo edito da Skira.

 

"Francesco Somaini. Uno Scultore per la Città"

New York 1967-1976

La Triennale di Milano

Viale Alemagna, 6

13 Gennaio – 5 Febbraio 2017

Ingresso libero